VECCHIO MULINO CASCINI

VECCHIO MULINO CASCINI

Confine Calvera – Carbone

Average Reviews

Descrizione

In località Montenuovo, sul confine tra Carbone e Calvera, è situato il vecchio mulino della benestante famiglia Cascini di Carbone, i cui avi, probabilmente, provenivano dal vicino comune di Castelsaraceno. Il mulino apparteneva, anticamente, ai Donnaperna, feudatari nelle limitrofe Terre di Calvera e di Teana.

Nel luglio del 1779 i Dannaperna si impossessarono del monastero di sant’Elia ed Anastasio e, quindi, anche della stessa Terra di Carbone, come si legge nelle carte dell’Archivio Boncompagni-Ludovisi, «Vendita della giurisdizione civile e criminale della Terra di Carbone in provincia di Basilicata».

Questo dei Cascini non era l’unico mulino presente in paese, infatti, ve ne era un altro di proprietà della famiglia De Nigris. Oltre a questi due mulini, dalle testimonianze orali risulta che, a Carbone, erano presenti ben sei frantoi con gigantesche pietre (solitamente tirate da asini) che servivano per pestare le olive.

I frantoi erano tutti ubicati all’interno del piccolo borgo ed appartenevano alle famiglie: Carusi, Cascini, Castelli, Castronuovo, Chiorazzo, De Nigris e Gugliotta.   

Foto